Quantcast
lunedì 26 settembre - Aggiornato alle 08:32

Dalla ‘spesa sospesa’ del circolo Arci all’iniziativa della finanza: il volontariato a Terni e provincia

Pd Narni avvia raccolta fondi per acquisto mascherine, distribuzione dispositivi ad Allerona e Castel Viscardo

 

Tra raccolte fondi per la sanità, iniziative online per alleggerire le giornate dei bambini e diverse forme di aiuto per le famiglie in difficoltà, se c’è una cosa che il Coronavirus non ha fermato ma anzi ha incentivato è il volontariato. Tra le iniziative più recenti: quella del circolo Arci Jonas club, quella della Guardia di finanza di Terni e poi la raccolta fondi del Pd di Narni e la distribuzione di mascherine che prosegue un po’ in tutte le realtà e che è stata avviata anche ad Allerona e Castel Viscardo.

Arci In questi tempi difficili il Jonas Club cerca di dare una mano. Davanti al circolo Arci di via De Filis 11/B a Terni,  allestito sabato scorso un esperimento di ‘spesa sospesa’, un punto di scambio solidale autogestito di generi alimentari, prodotti igienici, materiale di cancelleria, libri, confidando nella collaborazione di tutti gli abitanti del quartiere di Piazza del Mercato per il suo rifornimento, a favore di chi in questi momenti ha difficoltà anche ad acquistare beni essenziali. «Ricordiamo inoltre – scrivono dal Jonas – che, anche se l’attività di ricevimento al pubblico è sospesa, le attività del nostro sportello legale ‘Jonas contro Golia’ non si fermano, in caso di necessità è possibile contattare i nostri operatori ai recapiti 333/8447823 e 340/2746547».

Fiamme gialle Terni Sempre nel capoluogo di provincia, si sono resi protagonisti di un’iniziativa di solidarietà anche i finanzieri che hanno raccolto fondi e acquistato generi alimentari che sono stati donati alle associazioni San Martino della Caritas, Ancescao e Azione cattolica giovani. Un gesto, quello del personale della guardia di finanza in forza al comando provinciale di Terni, che consentirà di continuare ad aiutare tante famiglie in difficoltà. «Ringraziamo le Fiamme gialle per questo gesto – dice Tommaso Lanfiuti Baldi, di Azione cattolica. I generi alimentari sono stati consegnati alle parrocchie Polymer e Sant’Antonio che provvederanno a distribuirli a chi ne ha bisogno». Quanto ad Ancescao, Lorenzo Gianfelice fa sapere che «la spesa donata dalla finanza sarà destinata in parte alle persone segnalate dai centri sociali anziani che seguiamo normalmente e in parte servirà per rispondere alle emergenze delle famiglie in attesa dei buoni alimentari». Gli alimenti donati alla San Martino sono destinati alla preparazione dei pasti quotidiani per gli ospiti della mensa di San Valentino.

Volontariato in provincia Spostandosi a Narni, la più recente iniziativa, oltre quella della Banca del tempo già riportata, è promossa dal Pd locale; è denominata ‘Aiutateci ad Aiutare’ ed è finalizzata all’acquisto di materiale da destinare a operatori e cittadini. Come spiega il segretario del partito Fabio Svizzeretto: «In questa difficile emergenza abbiamo sentito il bisogno di dare il nostro contributo. Assieme possiamo fare la nostra parte tangibile e concreta. Abbiamo deciso anche di donare una parte del materiale acquistato ai cittadini di Ponteranica (BG) uno dei comuni più colpiti da questa emergenza Coronavirus. Chiunque voglia aderire all’iniziativa con una donazione può farlo attraverso un bonifico bancario sul conto corrente intestato a: Partito democratico comunale Narni con Iban: IT 51 R 03111 72710 0000 0000 0915 di UBI BANCA indicando come causale: Donazione emergenza Covid-19.

Volontari casa per casa Tra Allerona e Castel Viscardo via alla consegna di mascherine: «Dopo aver coperto tutto l’abitato di Allerona, è partita qualche ora fa la consegna delle mascherine nella zona di Allerona scalo. Nei prossimi giorni, non appena saranno terminate queste zone, procederemo anche alla distribuzione in via Mazzini e Pianlungo. Le consegneremo a tutti, sia ai residenti nel Comune di Allerona, sia a quelli nel Comune di Castel Viscardo». Serena D’Andrea, presidente della Prociv dell’orvietano, fa il punto sulla distribuzione delle mascherine, frutto del lavoro volontario di tantissime donne del posto, delle donazioni di molti privati, di un investimento sostanzioso del Comune di Allerona, e delle offerte di Avis Allerona, Avis Castel Viscardo e della Pro Loco di Castel Viscardo. «Una menzione speciale va alle donne che da giorni lavorano a macchina – dice Serena – a l’Arcobaleno e alla cooperativa Orchidea. Un grazie ai volontari della Prociv dell’orvietano Allerona, dell’Avis e della Locomotiva».

 

I commenti sono chiusi.