venerdì 22 febbraio - Aggiornato alle 13:17

Dai sensori ai semafori fino all’autovelox: vanno avanti i lavori sul viadotto Puleto, riapertura a breve

Anas fa il punto della situazione: opere concluse in settimana, poi partirà il cantiere da 200 giorni

La nuova segnaletica

Saranno completate entro la settimana le opere richieste dalla Procura di Arezzo in vista della riapertura del viadotto Puleto della E45, chiuso ormai dal 16 gennaio. Martedì a fare il punto della situazione è Anas, spiegando che è «in fase di ultimazione l’allestimento della segnaletica di restringimento della carreggiata da quattro a due corsie (segnaletica verticale, segnaletica orizzontale, delineatori flessibili). Al contempo è in produzione la segnaletica di preavviso per la deviazione dei mezzi pesanti sui percorsi alternativi». Da lunedì poi è iniziata l’installazione dei sensori radar che permetteranno il monitoraggio della struttura, e in queste ore il personale di Anas sta tarando gli apparecchi che, in caso di anomalie, segnaleranno ai semafori la necessità di interrompere il traffico.

FOTO: I LAVORI SUL VIADOTTO

TUTTO SULLA VICENDA DEL VIADOTTO

I lavori Questa fase si concluderà entro giovedì mentre entro la settimana dovrebbero terminare i lavori per il nuovo sistema di regimazione delle acque. La Procura inoltre ha disposto la riapertura parziale solo per i mezzi fino a 3,5 tonnellate, camion esclusi dunque, e un limite massimo di velocità (a controllare ci sarà un autovelox) di 50 km/h. I camionisti e le aziende dovranno aspettare almeno 200 giorni, quelli necessari ai lavori di manutenzione programmata già previsti nel piano Anas di riqualificazione della E45, appaltati nei mesi scorsi e consegnati a dicembre all’impresa esecutrice per un investimento, ricorda la società, di 2,5 milioni di euro. E proprio da lunedì è partito l’allestimento del cantiere e la realizzazione delle piste di accesso. Con questi lavori sarà risanato il calcestruzzo, verrà migliorata la stabilità sismica, saranno rifatte le solette e ammodernate le barriere di sicurezza.

LE PRESCRIZIONI DELLA PROCURA 

REGIONI CHIEDONO STATO DI EMERGENZA

I commenti sono chiusi.