domenica 21 luglio - Aggiornato alle 23:23

Da Terni a Praga nel cuore d’Europa, contatti Rai per un film su Maria Eletta

Il libro di Arnaldo Casali potrebbe trasformarsi in un documentario, a Praga stretta di mano col ministro delle Finanze

Una storia di Fede, ricca di epidosi avvincenti, che si sviluppa fra Terni, Vienna, Graz e Praga. È quella della carmelitana suor Maria Eletta, raccontata dallo storico e giornalista Arnaldo Casali che non dimentica di inserire nel suo libro la curiosa omissione del voto di castità nel documento di professione solenne che Caterina Tramazzoli emise nel 1627. Una dimenticanza che per tutta la vita pesò come un macigno sulla sua coscienza. Questa stessa storia potrebbe diventare un film. L’autore del libro pubblicato dal Monastero delle Carmelitane di Terni, racconta di aver preso contatti con una giornalista Rai che avrebbe manifestato interesse per questo lavoro.

Suor Maria Eletta Dopo essere diventata una delle prime monache del Carmelo di Terni, suor Maria Eletta fu incaricata di fondare monasteri in Austria e Boemia per contrastare l’egemonia dei protestanti. Dopo una vita avventurosa ha avuto una morte altrettanto avventurosa: incredibili i racconti sul cadavere della donna. Casali per la stesura del libro ha già girato un reportage video nella bella Praga. Col benestare del ministro delle Finanze della Repubblica Ceca, Alena Schillerová, e in sua compagnia, è arrivato fin dentro la stanza della badessa. Quelle stesse immagini potrebbero entrare nel film, qualora si decidesse di realizzare un documentario. La volontà di Casali, appassionato di Cinema e direttore del festival Popoli e Religioni è quella di coinvolgere l’ordine Carmelitano a livello internazionale anche per reperire i fondi necessari per realizzare l’opera. La figura di Caterina Tramazzoli avrebbe suscitato grande interesse anche in Repubblica Ceca.

I commenti sono chiusi.