Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 2 luglio - Aggiornato alle 19:18

Covid, in Umbria casi giù del 23% nell’ultima settimana. Attualmente positivi tornano sotto gli 8mila

Il monitoraggio della fondazione Gimbe: calo più marcato rispetto al -14% della precedente settimana. Cinque decessi nell’ultimo giorno

Un reparto dell'ospedale di Perugia (©Fabrizio Troccoli)

di D.B.

Nella settimana che va dal 18 al 24 maggio in Umbria i contagi legati al nuovo coronavirus sono diminuiti del 22,9 per cento. Il dato emerge dal monitoraggio settimanale della fondazione indipendente Gimbe, che parla di una situazione in ulteriore miglioramento rispetto ai sette giorni precedenti, quando il calo era stato del 14,3 per cento. Quanto al tasso di incidenza ogni 100 mila abitanti scende sotto quota mille: 945 contro i 1.086 della settimana prima.

La situazione Venendo ai vaccini, la popolazione umbra con più di cinque anni che non ha ricevuto neppure una dose è pari al 6,1 per cento (7 per cento la media nel resto del paese), alla quale va aggiunto un 5 per cento di persone temporaneamente protette in quanto guarite dal Covid da meno di sei mesi. Quanto alla terza dose, non l’ha ricevuta il 6,6 per cento. Venendo infine alla quarta, dedicata essenzialmente alle persone fragili, il tasso di copertura è del 38,7 per cento, otto punti in più rispetto alla media del paese, mentre per ultra 80enni, ospiti delle Rsa e fragili nella fascia 60-79 anni si parla del 5,3 per cento.

Il bollettino Dal bollettino giornaliero invece emergono altri cinque decessi, che portano il totale a 1.847 dall’inizio dell’emergenza. Poco più di 400 i nuovi contagi (426), trovati analizzando 683 tamponi molecolari e 2.437 test rapidi antigenici, con un tasso di positività sul totale pari al 13,6 per cento. Oltre 500 invece i guariti (527) per un numero di attualmente positivi che torna quindi sotto quota ottomila (7.950). Concludendo con i ricoveri, il quadro è stabile rispetto alla precedente rilevazione: 132 le persone nei reparti degli ospedali umbri (-1), delle quali sempre due in terapia intensiva.

I commenti sono chiusi.