lunedì 19 agosto - Aggiornato alle 12:46

Consiglio nazionale studenti, vince l’Udu: per la prima volta eletto un perugino

Elezioni per il Cnsu, Sinistra universitaria al 57%: Chiapparino tra i 30 membri. Rettore, urne aperte: diretta dalle 18.30

di Daniele Bovi

In 25 anni di esistenza il Consiglio nazionale degli studenti non aveva mai ospitato uno studente perugino, almeno fino a qualche ora fa. Grazie ai voti raccolti alle elezioni che si sono tenute martedì e mercoledì infatti Luigi Leone Chiapparino, dell’Udu, sarà quasi certamente il primo perugino a sedere nell’organismo creato ormai un quarto di secolo fa. In tutto alle urne sono andati 3.264 studenti dell’Università di Perugia, pari a circa il 15% degli iscritti (un’affluenza considerata alta), e 99 alla Stranieri (10%). L’Udu nel complesso ha raccolto 1.950 voti con 1.700 preferenze per Chiapparino; nel complesso quasi il doppio  rispetto a tre anni fa e 500 voti in più rispetto a quanto preventivato dagli studenti della sinistra universitaria.

I risultati L’Udu in termini percentuali ottiene il 57%, Unilab, che fa capo al centrodestra di Idee in movimento, porta a casa il 15%, Azione universitaria (sempre centrodestra, sponda FdI) il 13,5%, Comunione e liberazione è sotto il 6% mentre il Fronte della gioventù comunista (che guarda al Pci di Rizzo) non arriva al 3%. A guardare i numeri che arrivano dai diversi Dipartimenti, l’Udu è in testa quasi ovunque. A Economia ottiene il 41% mentre i blocchi di centrodestra il 48%, a Giurisprudenza il 32% contro il 62% del centrodestra, a Ingegneria il 30% contro quasi il 60% di Unilab e Au; i 65 voti di Azione universitaria a Scienze motorie valgono il 65% dei consensi mentre a Medicina, Dipartimento di peso in termini numerici e non solo, l’Udu è oltre il 65%. Percentuali bulgare a Scienze politiche (71%), Fisica (81%) e a Scienze della formazione (oltre il 70% sia a Perugia che a Terni). «Per noi – dice Michelangelo Grilli dell’Udu – si tratta di un risultato storico e di un successo inaspettato, soprattutto per la quantità di voti assoluti».

Cos’è Il Consiglio nazionale degli studenti universitari è un organo consultivo che si occupa di formulare pareri e proposte al ministro dell’Istruzione su progetti di riordino del sistema universitario, decreti, criteri per l’assegnazione dei fondi, elabora relazioni e può formulare domande al quale il ministro è tenuto a rispondere nel giro di due mesi. In tutto sono trenta i membri eletti (nominati dal ministro) che rimangono in carica per un triennio.

NUOVO RETTORE, È TRIELLO: CACCIA A 484 VOTI

Nuovo rettore Dalle 8.30 di oggi intanto sono aperti i seggi in aula magna per le elezioni del nuovo rettore. Dopo il primo turno di una settimana fa quello di giovedì sarà un triello fra Maurizio Oliviero, Fausto Elisei e Franco Cotana, mentre gli altri altri cinque hanno deciso di ritirare la loro candidatura, con Claudia Mazzeschi che si è schierata ufficialmente con Cotana. Anche in questo caso servirà il 50% più uno dei voti per indossare l’ermellino, percentuale che difficilmente uno dei tre toccherà. Questo triello dunque servirà per selezionare i due che andranno al ballottaggio del 23 in una battaglia che si annuncia all’ultimo voto. Gli aventi diritto sono 2.272, dei quali 997 tra professori e ricercatori, 179 studenti e 1.096 membri del personale tecnico, il cui voto però vale un decimo di quello di prof e studenti. Dalle 18.30 risultati in diretta su Umbria24 e live streaming dello spoglio.

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.