giovedì 16 agosto - Aggiornato alle 17:36

Comunità di Sant’Egidio, il professore della Stranieri Marco Impagliazzo rieletto presidente

Il professor Impagliazzo

Marco Impagliazzo è stato rieletto domenica presidente della Comunità di Sant’Egidio, che presiede dal 2003. Professore di storia contemporanea all’Università per stranieri di Perugia, è stato confermato con un vasto consenso dai rappresentanti dei diversi nuclei di Sant’Egidio diffusi nel mondo. L’elezione di quest’anno riflette la crescita della Comunità, nata a Roma nel 1968 ad opera di Andrea Riccardi e diffusa ormai in tutti i continenti: all’assemblea elettorale, che si è svolta a Roma – in collegamento, via streaming, con numerose città italiane, europee, americane, africane e asiatiche – hanno partecipato 220 delegati. Ringraziando l’assemblea che ha rinnovato il suo mandato Impagliazzo, che della Stranieri è anche presidente del cda, ha annunciato di voler continuare il suo impegno proprio nella direzione delle 3 «p» (preghiera, poveri, pace) indicate da Papa Francesco nel giugno scorso e, di fronte alla conoscenza della Comunità nel mondo, acquisita in questi anni, si è detto «impressionato dalla larghezza dei suoi confini e dalle importanti sfide che l’attendono». La costruzione della pace, ha spiegato poi, è tra gli obiettivi prioritari perché «la guerra è la madre di tutte le povertà». Associazione riconosciuta dalla Santa Sede e da numerosi organismi internazionali tra cui l’Onu e l’Unione africana, la Comunità di Sant’Egidio è presente in 73 Paesi del mondo con la partecipazione attiva di oltre 60 mila persone e la collaborazione di migliaia di volontari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.