giovedì 16 agosto - Aggiornato alle 17:26

Dopo sei anni cittadini riaprono Parco della Fonte di San Gemini: subito concerto di Colapesce

Pro loco restituisce alla comunità la sua oasi, tre giorni di festa per l’inaugurazione: estate coi fiocchi, atteso anche Woodenpark music festival

Colapesce

Riapre il Parco della Fonte di San Gemini. Primo, 2 e 3 giugno festa grande per gli abitanti del borgo che, finalmente, potranno tornare a godersi l’oasi verde, recuperata dopo mesi di lavori di manutenzione dai volontari della Pro loco. La tre giorni che celebra la rinascita del Parco della Fonte di San Gemini prevede, naturalmente, una raffica di eventi per grandi e piccini.

Subito Colapesce in concerto Il primo giugno cancelli aperti fin dal mattino e attese le istituzioni locali, mentre nel pomeriggio doppio aperitivo e performance di Recondite, un artista britannico, ma l’appuntamento più atteso è in programma l’indomani quando, dopo il super pic nic e il doppio aperitivo pomeridiano, al Parco della Fonte di San Gemini arriverà Lorenzo Urciullo, il cantautore italiano noto come Colapesce. Al concerto che sicuramente darà grandi soddisfazioni alla Proloco seguirà anche il djset con Federico Cassetta alla consolle. L’ultimo giorno di festa è dedicato alla mostra mercato di prodotti agroalimentari locali rigorosamente bio e dop provenienti dai mercati contadini o autoproduzioni. Organizzata in collaborazione con Mercato Brado di Terni, la mostra mercato prevede anche un incontro sul tema “La ricchezza del Parco”, curato da Chiara Ronchini e Crac. Chiude la tre giorni ‘artista sangeminese Blanket Fort.

Stagione coi fiocchi per Parco della Fonte Ma il Parco della Fonte di San Gemini vivrà tutta l’estate. A impegnarsi per riaprire dopo sei anni di chiusura il giardino più bello della zona sono stati Lucio Lunelia, Marco Violati, Andrea Bianchi, Lucia Dominici, Alessandro Mercuri, Marta Valenti, Martina Sgrigna, Gabriele Falascino e Gaia Cannarsa, con la collaborazione di Giulia Chiodini e Andrea Leonardi e di tutti gli altri volontari. Ad animare il Parco, però, saranno anche tante le associazioni che parteciperanno con varie attività a questa prima stagione: si va dal tiro con l’arco antico al soft air, fino a minigolf, appuntamenti jazz e di ballo country, passando per la musica del grande compositore Debussy. E ancora reading di poesie all’aperto e mostre d’arte e di archeologia. Numerosi anche gli eventi per i più piccoli, che potranno scoprire il Parco della Fonte di San Gemini con caccia al tesoro, attività ricreative in mountain bike e campus estivi .

Scuola… No stop Per loro anche il progetto Scuola… No stop finanziato con fondi europei, che hanno permesso anche di organizzare le “orientiadi”, un percorso ludico sportivo in ambiente naturalistico, fra i giochi di ieri e di oggi: tra questi le bocce, il roverino e il golf, il cui filo conduttore è l’orienteering. Il progetto coinvolge gli alunni della scuola primaria delle classi quarta e quinta e gli alunni della prima e seconda media dell’Istituto comprensivo statale San Gemini-Acquasparta, coordinati dalle prof Elisabetta Bottausci e Mariasilva Sodano.

Woodenpark Music Festival Non mancheranno, poi, gli appuntamenti con lo swing e i balli afro, fino al liscio e alla dance anni ’70, ’80 ,’90. L’evento clou è sicuramente il Woodenpark Music Festival ideato da David Roncetti; fra i main sponsor della riapertura del parco sangeminese al ritmo di dj internazionali: Recondite, Radio Slave e Roland Apple. Per l’occasione verrà allestito un palcoscenico di 14 m con 800 metri quadrati di pista da ballo. Ci sarà spazio anche per le discipline olistiche come yoga, shiatsu e meditazione al tramonto e alle prime luci dell’alba.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.