lunedì 17 dicembre - Aggiornato alle 06:33

Chiesa umbra: «Perdiamo 5mila residenti l’anno e peggiore Pil di tutti. Politica ascolti»

Ceu riunita  annuncia una assemblea Ecclesiale regionale. «Auguri agli eletti e vicinanza a Papa Francesco»

Nella riunione del 12 marzo della Conferenza episcopale umbra, che si è tenuta nel Seminario regionale Pio XI di Assisi, i vescovi umbri hanno accolto il nuovo nunzio apostolico in Italia l’arcivescovo Emil Paul Tscherrig, fino a qualche mese fa ambasciatore del Papa in Argentina.

Gli auguri dei Vescovi al Papa I vescovi hanno ricordato i cinque anni dell’elezione di papa Francesco e hanno chiesto al cardinale Bassetti che oggi (12 marzo) è in udienza dal Santo Padre, di comunicargli il loro affetto. Riguardo alle elezioni i vescovi, hanno confidato nel senso di responsabilità degli eletti per la ricerca e la costruzione del bene comune, con particolare attenzione alle fasce sociali più deboli. Salutano i parlamentari umbri ed augurano loro un buon lavoro a servizio del Paese e della nostra regione.

Annuncio Assemblea ecclesiale regionale Boccardo, arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Ceu, ha relazionato sull’incontro delle Commissioni ecclesiali: «Abbiamo preso rinnovata coscienza della nostra principale finalità, rendere appetibile la gioia del Vangelo agli uomini e alle donne del nostro tempo. E’ emersa – prosegue – la necessità di un’azione pastorale a livello regionale sempre più sinergica, una formazione qualificata e qualificante degli operatori». Per questo i Vescovi dell’Umbria annunciano un’Assemblea ecclesiale regionale, da celebrarsi nell’anno pastorale 2018-2019, che aiuti a focalizzare la missione contemporanea della Chiesa nella terra dei santi Benedetto e Francesco. «Sarà un confronto sinodale – afferma mons. Boccardo – sullo stile del convegno della Chiesa italiana di Firenze del 2015 e che si baserà sull’Esortazione Apostolica di papa Francesco Evangelii Gaudium. Avremo a cuore il bene della nostra Chiesa umbra e, attraverso un percorso di preghiera, di riflessione e di discernimento, cercheremo di essere propositivi per una crescita sinergica delle nostre comunità diocesane».

Azione della Chiesa «L’Assemblea si inserisce in un tempo non felice per l’Umbria, caratterizzato da varie difficoltà: il tasso di povertà è superiore alla media nazionale – è quanto recita la nota della Ceu -; il Pil dal 2008 al 2015 è precipitato del 15,7%, il peggior dato tra tutte le regioni italiane; l’Umbria perde ogni anno circa 5.000 residenti: c’è un calo demografico del 5,3 per mille abitanti a fronte di una media nazionale dell’1,6 per mille abitanti; gli immigrati e richiedenti asilo sono accolti in percentuale maggiore rispetto alla Lombardia e al Lazio; nei centri di ascolto delle Caritas diocesane non si era mai registrato un numero di giovani così alto a chiedere aiuto ed assistenza. Anche la Chiesa umbra è chiamata a prendere coscienza di questa difficile situazione e, per quanto di sua competenza, collaborare a trovare delle soluzioni. In questa direzione va il progetto delle Diocesi di Perugia-Città della Pieve e Spoleto-Norcia (anche nelle altre si sta riflettendo su questa possibilità) per dare aiuto ai più giovani con borse di lavoro finalizzate alla creazione di occupazione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.