giovedì 27 febbraio - Aggiornato alle 21:55

Chef di Wimbledon a Foligno per aiutare i terremotati: «Banchetto con prodotti della Valnerina»

Claudia Di Meo porta con sé un gruppo di maestri della cucina per l’evento solidale organizzato dall’Ente Giostra

Claudia Di Meo

Dal ristorante esclusivo del club Wimbledon Tennis a Foligno per aiutare i terremotati di Norcia. Torna a casa per una buona causa la folignate e quintanara doc Claudia Di Meo protagonista, insieme ad altri chef internazionali, di un banchetto a Palazzo Candiotti organizzato dall’Ente Giostra per sostenere la cittadina di San Benedetto piegata dal sisma del 2016. Il ricavato della serata in programma il 10 febbraio sarà interamente devoluto al Comune di Norcia che potrà utilizzarlo per interventi di ricostruzione.

«Banchetto con prodotti della Valnerina» Claudia Di Meo, semifinalista a MasterChef Uk, tornerà a Foligno insieme a una pattuglia di specialisti della cucina. Con lei la collega svizzera Claude Jarczyk svizzera già chef a Le Gavroche, l’inglese Charlene Ravuoco chef appena rientrata dell’Antartide e all’attivo numerose collaborazioni con ristoranti stellati. A Foligno per aiutare Norcia arriverà anche il pasticcere brasiliano Ricardo Feraz stella Michelin insieme al folignate Massimo Gubbiotti, che per il banchetto di beneficenza per i terremotati ha trovato altri alleati illustri, come Davide Massatani, Roberto Brinci e Alice Caporicci. Per l’evento solidale, organizzato nel giorno della Quintana storica del 1613, avranno a disposizione esclusivamente prodotti provenienti dal cratere, precisamente dalla Valnerina e dai Monti Sibillini. Dopo la Giostra straordinaria di ottobre per i terremotati, dunque, il popolo della Quintana torna a rimboccarsi le maniche per gli sfollati di Norcia organizzando una serata che prevede anche l’anteprima di alcune immagini di Respiri ritmici, il documento del regista Alessandro Turco girato a Castelluccio. Per partecipare all’evento serve la prenotazione (0742 354000 fino ad esaurimento posti).

I commenti sono chiusi.