Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 6 dicembre - Aggiornato alle 00:27

Carcere di Terni, carenza personale oltre la media nazionale: arriva il capo Dap Petralia

Escalation di episodi violenti, il Provveditore incontra le parti sociali: sotto la lente anche criticità logistiche e impiantistiche

La carenza di personale di polizia penitenziaria nelle carceri è un problema a tutti gli istituti di’Italia, ma che la Casa circondariale di Terni stia soffrendo in modo significativo tale criticità già da alcuni mesi, lo suggeriscono i reiterati episodi di violenza ai danni degli agenti, per i quali c’è anche chi, in alcuni casi, finisce al Pronto soccorso. E dato che l’istituto di Sabbione non si è fatto mancare nemmeno l’assenza di luce e acqua in piena estate, sul tavolo del confronto tra sindacati e e Provveditore Pierpaolo D’Andria, sono finite anche le criticità impiantistiche e logistiche della struttura al fine di tracciare un quadro complessivo di problematiche da sottoporre all’attenzione del capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, Bernardo Petralia, atteso nella città dell’acciaio il prossimo lunedì. Dal confronto è emerso come la situazione nel Ternano sia precipitata nel corso del triennio 2014-2017, quando la pianta organica si è ridotta di oltre il 13%. Mancano inspettori, sovrintendenti e agenti per cui è sovente il ricorso agli straordinari in attesa di un’immissione di personale che, come suggerito dalle parti al summit, resta l’obiettivo.

I commenti sono chiusi.