martedì 25 giugno - Aggiornato alle 04:10

Caos rifiuti, riapre parte di Borgogiglione. Regione: «Ritardi colpa dei gestori»

Arriva il via libera in attesa dei lavori di consolidamento: «Amministratori devono vigilare e richiamare a rispetto dei doveri»

rifiuti discarica gesenu perugia
Discarica di Borgogiglione

Via libera per la parte sommitale della discarica di Borgogiglione. Arriva come attesa la decisione della Regione, che dovrebbe consentire di alleggerire la pressione sul sistema dei rifiuti nel Perugino, in cui si è arrivati al blocco della raccolta dell’indifferenziato, dopo gli screzi con le autorità altotiberine per i conferimenti alla discarica di Belladanza (oltre che a Le Crete di Orvieto).

CAOS RIFIUTI: SCATTA BLOCCO RACCOLTA

Riapre Borgogiglione Il Servizio regionale competente ha autorizzato oggi la ripresa dello smaltimento dei rifiuti presso la discarica di Borgogiglione, limitatamente alla parte sommitale, già destinata all’impianto di “biostabilizzazione refitted”, per una volumetria complessiva non superiore a 47.500 metri cubi. I tecnici regionali, si precisa in una nota, «hanno accertato che, su tale parte sommitale dell’area di discarica e con le modalità illustrate nel progetto presentato dal gestore il 31 dicembre 2018, lo smaltimento dei rifiuti può avvenire in condizioni di sicurezza». Resta fermo, ovviamente, «l’obbligo di presentare il progetto di consolidamento dell’argine di contenimento della discarica, posto in capo al gestore nel mese di ottobre 2018 a seguito delle risultanze degli studi e dei monitoraggi eseguiti sulla stabilità della discarica commissionati dal gestore del servizio, Gest srl».

L’AURI SI SPACCA SULLA PROROGA

Regione attacca «La Regione – si sottolinea – non ha mai chiuso la discarica né ha mai interrotto i conferimenti. Anzi è dal mese di settembre 2017 che veniva sollecitato il gestore operativo, Tsa spa, a presentare un piano di coltivazione che consentisse la ripresa dello smaltimento dopo la sospensione della coltivazione in modalità bioreattore intervenuta a causa dei lunghi tempi di stabilizzazione dei rifiuti, più che doppi rispetto a quelli che lo stesso gestore aveva indicato. Se ci sono stati ritardi – si rileva – non sono certo addebitabili alla Regione. Come facilmente dimostrabile. La domanda di riavvio è stata presentata il 5 dicembre, il 10 è stata richiesta una doverosa integrazione, presentata il 31 dicembre, su cui gli uffici regionali si sono pronunciati il 7 gennaio. Poco può fare la Regione – si rimarca – se i gestori degli impianti non sono in grado di presentare i progetti, o li presentano in ritardo o incompleti della documentazione necessaria. Altri, in particolare amministratori di società partecipate e proprietari di impianti, devono vigilare e richiamare i gestori a rispettare i loro doveri, a tutela dei cittadini che pagano il servizio».

BACCHETTA: «COSÌ SALTA TUTTO»

I commenti sono chiusi.