mercoledì 17 luglio - Aggiornato alle 03:14

Campi di calcio e palestre concesse fino a 25 anni in cambio di lavori: «È solo l’inizio»

Provincia di Terni annuncia altra raffica di bandi analoghi entro l’estate, Lattanzi: «Scarse risorse e volontà di migliorare gli impianti»

Tre bandi per la manutenzione e la gestione fino a massimo 25 anni di altrettanti impianti sportivi di proprietà della Provincia di Terni. Scadranno il 16 settembre gli avvisi pubblicati negli ultimi giorni dall’ente per  il campo di calcio Perona e il pattinodromo Pioli in via Sabotino e il campo polifunzionale di viale Trieste, dove sono attese offerte tecniche ed economiche da parte dei soggetti che si candideranno a caricarsi sulle spalle l’impianto. Ma sono soltanto i primi impianti sportivi a essere interessati dalla procedura. Gli uffici dell’ente contano a stretto giro di pubblicare bandi del tutto analoghi per il palazzetto dello sport Perona sempre in viale Trieste, la palestra dell’Itis, le due palestre del polo scolastico di Narni Scalo e il campo di calcio Ponticelli a Piediluco.

Sull’operazione palestre e campi di calcio il presidente della Provincia, Giampiero Lattanzi, spiega che il «cambiamento deriva dalle scarse risorse di bilancio, ma anche dalla volontà di donare alla città impianti sportivi all’avanguardia, sicuri e di grande qualità». Lattanzi dice che la manutenzione e gestione di lunga durata è «una formula adeguata ai tempi. Non una gestione diretta, ma la ricerca di investitori che possano presentare un progetto di potenziamento, messa in sicurezza e riqualificazione degli impianti. Noi abbiamo dato delle linee guida dentro le quali ciascuno, partecipando al bando, può presentare progetti». Tra queste il manto erboso al campo di calcio, il rispetto di tutte le norme di sicurezza, le utenze a nome dei concessionari, il miglioramento di spalti e servizi . In una nota viene anche spiegato che dato l’avvio delle procedure. per «garantire continuità di utilizzazione, evitando il fermo delle tre strutture, la Provincia ha predisposto degli avvisi temporanei per la loro gestione che durerà fino all’inizio dei lavori dei soggetti che si aggiudicheranno i bandi di concessione».

I commenti sono chiusi.