lunedì 3 agosto - Aggiornato alle 21:23

Calendario venatorio 2020/2021, c’è l’ok definitivo: tutte le date e le novità

Con l’arrivo del parere dell’Ispra semaforo verde da parte della giunta. Daino e capriolo, caccia di selezione dall’8 luglio

Fucili da caccia al Cacciavillage di Bastia (foto Troccoli)

di Daniele Bovi

Arrivato l’atteso parere dell’Ispra, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, ha ricevuto nelle scorse ore il via libera definitivo il nuovo calendario venatorio 2020/2021, pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione. Per quanto riguarda le date più importanti, a causa del ritardo con cui il parere (obbligatorio ma non vincolante) è arrivato, slitta di alcune settimane la caccia di selezione alle specie daino e capriolo, in un primo tempo prevista dal 14 giugno; nelle zone designate – quelle dove c’è «una densità tale da consentire l’elaborazione di piani di abbattimento» – si potrà sparare dall’8 al 15 luglio, dal 16 agosto al 30 settembre e dal 2 gennaio al 14 marzo 2021.

IL CALENDARIO DEFINITIVO

Le date La stagione inizierà con tre giorni di preapertura (2, 6 e 13 settembre) in cui si potranno cacciare solo alcune specie, ovvero alzavola, marzaiola, germano reale, tortora, ghiandaia, cornacchia grigia e gazza. Dal 20 settembre al 31 dicembre via libera per coniglio selvatico, fagiano maschio, merlo, starna, pernice rossa, silvilago, mentre fino al 31 gennaio c’è l’ok per molte altre specie come beccaccia e beccaccino, canapiglia, cesena, corone, colombaccio, fischione, folaga, frullino, gallinella d’acqua, mestolone, moretta, porciglione, tordo bottaccio, torso sassello e volpe; fino al 6 dicembre, inoltre, si potrà sparare alla lepre.

CINGHIALI, ANTICIPATA L’APERTURA

Cinghiali Venendo ai cinghiali, tema ampiamente dibattuto nelle ultime settimane, la caccia dopo una serie di mediazioni partirà il 18 ottobre e si concluderà il 17 gennaio, salva ovviamente la possibilità di abbatterli da parte degli agricoltori in caso, come stabilito dalle nuove regole (contestate dalle squadre di cinghialisti), non intervengano entro poche ore gli Atc. I giorni in cui è consentita la caccia al cinghiale sono il giovedì, il sabato e la domenica. Al di là di queste date, «potranno essere predisposti interventi di contenimento nei giorni 3,4,10 e 11 di ottobre». Quanto all’addestramento dei cani, sarà possibile dal 15 agosto al 10 settembre. «Il varo definitivo del calendario – commenta l’assessore regionale Roberto Morroni –  è motivo di soddisfazione in quanto frutto di un confronto molto partecipato e condiviso con tutti i portatori di interesse, associazioni della consulta faunistico–venatoria e gli Ambiti territoriali di caccia».

I commenti sono chiusi.