martedì 4 agosto - Aggiornato alle 21:54

Università per stranieri, Giuliana Grego Bolli è il nuovo rettore: terza donna nella storia dell’Ateneo

La docente al ballottaggio ha ottenuto 45 voti contro i 31 del professor Enrico Terrinoni

Giuliana Grego Bolli

di Daniele Bovi

Tutto come da pronostico. È la professoressa Giuliana Grego Bolli il nuovo rettore dell’Università per Stranieri di Perugia per il triennio 2018/2021. Martedì a Palazzo Gallenga si è tenuto il ballottaggio, vinto dalla docente con 45 voti contro i 31 del professor Enrico Terrinoni; alle urne dunque sono andati quasi tutti gli aventi diritto, ovvero 76 su 77, ed è chiaro che su Grego Bolli si sono riversati tutti o quasi i voti ottenuti al secondo turno dalla terza contendente, la professoressa Giovanna Zaganelli, che aveva chiuso a quota 20 mentre Terrinoni si era fermato a 25 e Grego Bolli a 31 (nei primi due turni era necessario conquistare 39 voti per essere eletti).

In carica da novembre Il nuovo Magnifico entrerà in carica il primo novembre prossimo, e attualmente, oltre a essere insegnante di Glottologia e linguistica e direttore del Centro di valutazione e certificazioni linguistiche, ricopre la carica di prorettore. Terrinoni invece, partito sostanzialmente come outsider, insegna lingua e letteratura inglese, mentre Giovanna Zaganelli rimarrà direttice del Dipartimento di Scienze umane e sociali e docente di Critica letteraria e Letteratura comparata. Durante la presentazione del suo programma il nuovo rettore della Stranieri aveva parlato di un «momento difficile per l’Ateneo», sia dal punto di vista del bilancio che per quanto riguarda il numero degli iscritti.

Il programma Tra i punti di debolezza la prof aveva indicato anche una «generalizzata percezione di mancanza di dialogo, dibattito, partecipazione e condivisione, grave e preoccupante in un ateneo piccolo», mentre tra quelli di forza, sui quali puntare, una storia culturale di alto profilo, il radicamento e la vocazione internazionale. Grego Bolli ha promesso anche maggior dialogo con le istituzioni e il mondo economico, più collegialità e l’assegnazione di «deleghe non formali», oltre a «un ambiente di lavoro sereno». Due soltanto, finora, erano state le donne elette rettore nella storia della Stranieri, iniziata nel 1925. A votare il Magnifico sono stati 11 professori di prima fascia, compresi i tre candidati, 27 di seconda, 12 ricercatori a tempo indeterminato, 5 a tempo determinato, un docente di lingua e cultura italiana per stranieri, due prof dalle categorie a esaurimento, 14 membri del personale tecnico, tre collaboratori ed esperti linguistici (i Cel) e due rappresentanti degli studenti.

Auguri dalla Marini «Voglio porgere alla professoressa Giuliana Grego Bolli i migliori auguri e le mie congratulazioni per l’impegnativo mandato che la porta, in qualità di Rettore dell’Università per Stranieri di Perugia, alla guida di una delle realtà più prestigiose dell’Umbria»: è l’augurio della presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini. «L’Università per Stranieri – aggiunge – è un luogo importante per lo sviluppo culturale, sociale ed economico della nostra regione, un centro di eccellenza di studi chiamato ad allargare gli orizzonti sul mondo e che attira studenti di tutte le nazionalità. L’auspico per il futuro di questa grande istituzione è che si continui a lavorare insieme nell’interesse generale dell’Umbria».

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.