Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 30 giugno - Aggiornato alle 18:19

Ascensore alla Cascata delle Marmore e battello fino al lago di Piediluco: il Comune di Terni dice sì

Pareri favorevoli e raccomandazioni su studio di fattibilità e contratto sponsorizzazione: la giunta procede verso l’obiettivo Water way

Promuovere e facilitare il movimento turistico, incoraggiando e favorendo il miglioramento della fruizione dell’area della Cascata e del territorio del lago di Piediluco con in prospettiva la possibilità di studiare anche un collegamento fluviale con la Valle Santa Reatina e con la stessa città di Rieti. In questo contesto la proposta più generale è quella di pianificare la sentieristica dell’area della Cascata e del lago di Piediluco offrendo un prodotto completo per la gestione del prodotto turistico. Questo l’obiettivo principale del progetto Water Way di collegamento tra Marmore e Piediluco al quale la giunta ha detto sì incaricando il sindaco di promuovere l’accordo di programma tra i soggetti coinvolti, prossimo passo verso la realizzazione delle opere.

Cascata-Piediluco tra ascensore e battello La fornitura di un servizio di navigabilità fluviale e lacustre, con battelli elettrici, permetterà di organizzare e gestire la fruizione turistica del territorio di Marmore e Piediluco in modo integrato e intermodale, con i sentieri pedonali che consentono la visita al grande parco dell’Opera della Cascata delle Marmore, con l’ascensore inclinato, con la ferrovia Terni l’Aquila (stazione di Marmore e di Piedimoggio). La proposta più generale è quella di una viabilità alternativa di tipo intermodale a partire dai parcheggi di Marmore (Stazione, Campacci e Mazzelvetta) e del grande parcheggio di Collestatte Piano (Piazzale Byron) dove sono collocati anche i due centri visita della cascata, veri nodi di interscambio che consentano di passare dal mezzo su gomma (auto privata e bus) a mezzi meccanizzati non inquinanti come l’ascensore inclinato oggetto della nostra proposta, ai battelli elettrici legati alla realizzazione di una viabilità fluviolacustre che da Marmore conduce al lago di Piediluco, fino ai sentieri pedonali che consentono la visita al grande parco della Cascata delle Marmore.

Water way «L’intervento peraltro – sottolineano il sindaco Leonardo Latini e la sua vice Benedetta Salvati  – si collega con quelli già in programma per la ciclopedonale Staino-Cascata, della ciclovia dei laghi, nonché con gli interventi infrastrutturali di valorizzazione turistico-sportivo della città e infine con il progetto per la valorizzazione di Cesi e del suo territorio per il quale abbiamo ottenuto, unici in Umbria, il finanziamento del bando borghi del Ministero della Cultura: obiettivo comune è dotare il territorio di infrastrutture innovative per aumentarne l’attrattività. Un lavoro complesso -proseguono -, ma anche necessario per un’infrastruttura strategica nella quale abbiamo sempre creduto e sulla quale, insieme agli uffici, stiamo lavorando costantemente: questa crediamo che sia la miglior risposta e la più concreta delle repliche a chi, specie in questi ultimi tempi, alza toni e polemiche senza conoscere la complessità degli interventi. L’atto deliberato mercoledì mattina tiene conto delle interlocuzioni con la Regione dell’Umbria, della disponibilità della Fondazione Carit che – anche su questo tema – ha dimostrato la consueta sensibilità per il bene del territorio. Tiene conto inoltre del contratto di sponsorizzazione in servizi stipulato dal Comune di Terni con la ditta Marcangeli Giunio srl e dello studio di fattibilità trasmesso dall’architetto Miro Virili, il 9 giugno del 2021».

I commenti sono chiusi.