domenica 27 maggio - Aggiornato alle 06:06

Amelia passa al led su 2 mila lampade: più luce per sei incroci e telecamere

Consumi giù del 50%: lavori finiti entro febbraio. Previsti anche fari artistici per mura e altri gioielli

Uno scorcio del comune di Amelia

Quasi duemila nuove lampade per Amelia, che ha firmato un contratto ventennale con un privato per illuminare strade e vie coi led. L’operazione, annunciata dall’assessore ai lavori pubblici Avio Proietti Scorsoni, vale un investimento da circa un milione di euro da completare entro febbraio 2019, quindi in meno di dieci mesi, tempo entro il quale saranno sostituite 1430 lampade di pali stradali e 552 relative alle lanterne, con le prime che saranno a luce bianca neutra e le altre a luce calda. Cofely Italia è il privato che si è aggiudicato nel 2016 la concessione del servizio di gestione integrata da circa 2,2 milioni per venti anni.

L’introduzione dei led per l’illuminazione pubblica permetterà di abbattere i costi energetici del Comune di Amelia che, al momento, consuma circa  950 mila Kwh: al termine dell’operazione si dovrebbe viaggiare tra i 400 e i 450 mila Kwh. I lavori per le luci a led sono iniziati da alcune settimane e prevedono anche l’installazione di 54 punti luce in più e di due telecamere, mentre è previsto anche il potenziamento dell’illuminazione su sei incroci, l’illuminazione artistica delle mura, da Porta Romana alla Torre dell’ascensore, quella di piazza Matteotti e piazza Augusto Vera, il potenziamento degli impianti in zona fontana di Nocicchia e l’assistenza per la redazione del piano regolatore dell’illuminazione comunale.

Il privato a cui si è legato il Comune di Amelia fornirà all’ente anche un’auto elettrica e la redazione del piano di segnalazione, che prevede il numero verde per i guasti dell’illuminazione pubblica. «Il nuovo sistema – dichiara l’assessore – ci permetterà di abbattere del 50 per cento i consumi che attualmente si aggirano intorno ai 950mila Kwh, aumentando contestualmente il livello di illuminazione come sancito dalla normativa. L’obiettivo principale – afferma Proietti Scorsoni – è quello di aumentare il livello di illuminazione delle strade, delle vie e dei vicoli e nel contempo diminuire l’inquinamento luminoso come previsto dalla legge regionale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.