venerdì 13 dicembre - Aggiornato alle 10:39

Agenzia regionale per il lavoro, sospeso momentaneamente lo stato di agitazione

Il passo in avanti è arrivato venerdì durante il tavolo di conciliazione istituito in prefettura

L'assemblea dei lavoratori

I lavoratori dell’Arpal, cioè della nuova Agenzia regionale per il lavoro, hanno sospeso lo stato di agitazione proclamato alcuni giorni fa. Il passo avanti nella difficile vertenza che riguarda i dipendenti degli ex centri per l’impiego e dell’area formazione è arrivato venerdì, durante il tavolo di conciliazione istituito in prefettura a Perugia tra i sindacati Fp Cgil, Fp Cisl e Uil Fpl dell’Umbria, Arpal e la Regione. «Un primo importante impegno preso dalle controparti – spiegano i sindacati – sarà quello del prossimo 25 novembre, quando sarà costituito il Fondo economico 2019, necessario per poter ragionare dell’utilizzo e dell’applicazione degli istituti contrattuali». «Il secondo importante impegno – continuano – è l’appuntamento nel mese di dicembre per un ulteriore tavolo di confronto con amministratori Arpal e Regione, nel quale saranno affrontate le problematiche inerenti gli aspetti organizzativi e il piano di rafforzamento dei servizi per le politiche attive per il lavoro». Agitazione sospesa dunque, «ma pronta a ripartire con più forza qualora – come spiegano le organizzazioni sindacali – le richieste alla base della vertenza non fossero soddisfatte».

I commenti sono chiusi.