mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 08:51
15 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 15:57

Asm Terni senza piano industriale, sindacati sbottano: «Risposte o occupiamo il Comune»

Mancano certezze anche su debiti e crediti tra Comune e azienda, Rsu chiedono verità su vendita Umbria energy e De Luca solleva il caso ‘società in house’

Asm Terni senza piano industriale, sindacati sbottano: «Risposte o occupiamo il Comune»

di M. R.

Nessuna certezza né documenti, sul tavolo della terza commissione non c’è il piano industriale, né il quadro debiti/crediti tra Asm e Comune chiesto a gran voce da Fracesco Ferranti di Forza Italia e Marco Cecconi di Fratelli d’Italia.

Sbottano i sindacati I sindacati non la prendono bene: «Questa discussione non è altro che la copia di quella andata in scena in sede di conferenza dei capigruppo, domani 20 lavoratori di Umbria energy saranno a chiederci l’esito di questo incontro e noi non sapremo cosa dire, al prossimo ci presentiamo in 320». Irritati perché costretti  a ripetere quanto già esposto nelle settimane passate, sindacati e Rsu Asm minacciano l’occupazione del consiglio e puntano il dito contro il sindaco, il presidente e l’assessore al bilancio: «Avevamo richiesto un incontro con Di Girolamo, Mascio e Piacenti, sono loro che devono delle risposte a quei dipendenti con una loro dignità e a noi che verso di loro abbiamo delle responsabilità».  Il presidente della commissione Sandro Piermatti: «Abbiamo convocato questa audizione come richiesto formalmente a questo organismo dall’Usb».

Asm Terni Le questioni sono effettivamente sempre le stesse, quelle introdotte dalla segretario generale di Filctem Cgil Marianna Formica: la paventata privatizzazione, la mancata chiarezza sui rapporti economici tra Asm e Comune e lo spettro della vendita di Umbria energy. Giorgio Roncetti della Uil ha spiegato: «La posizione sindacale è unitaria, l’azienda è già sul mercato, non sia letta come anacronistica la posizione contro la privatizzazione. Tra averla in casa o no un’azienda gioiello come quella fa differenza. Perché metterla sul mercato? Quali condizioni sussistono perché questo avvenga? Il Comune ha responsabilità sulle scelte future, per noi Asm ha bagaglio umano, d’esperienza e tecnologico per operare sul territorio ed espandersi». Lucio Sciarrini della Cisl ha aggiunto: «Asm vanta 350 dipendenti piùl’ indotto, parliamo della seconda spa del ternano dopo Ast»

Minaccia occupazione Luciano Novelli delle Rsu Asm: «La richiesta d’incontro era rivolta a sindaco Di Girolamo, assessore Vittorio Piacenti e presidente Giuseppe Mascio, questo tavolo andrebbe allargato a giunta e vertici Asm. A Natale Di Girolamo è venuto a farci gli auguri e poi nel Dup leggiamo la volontà di vendere un ramo d’azienda, Umbria energy; inaccettabile – tuona – vista l’esperienza diretta che abbiamo delle privatizzazioni Sii e Atc. Asm non è un bancomat, continuamente anticipiamo quanto devono darci gli enti. Il Comune sta svuotando l’azienda, prima sottraendole la gestione delle fontane poi l’illuminazione pubblica e ora Umbria energy».

Caso società in house Sul tema è intervenuto anche Franco Todini, la sua proposta: «Fossi stato sindaco avreai provveduto a un cambio di statuto per  Asm perché diventasse società in house e ottenesse affidamento diretto di alcuni servizi piuttosto che passare per gare pubbliche». Il consigliere Cinque stelle De Luca a questo proposito: «Se Asm non ha controllo analogo come fa a stare dentro la Sii, voglio la certificazione del dirigente». E a Narciso, il grillino: «Come si può mantenere la business unit pur prevedendo alienazioni di quote?». Il dem ha ribadito le convinzioni espresse nell’atto. I lavori di interlocuzione, dunque, riprenderanno quando a disposizione dei  consiglieri ci saranno i documenti richiesti, Piermatti si augura la prossima settimana.

Twitter @martarosati28

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250