domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 17:41
4 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:14

‘AscoltiAmo Terni’, Stella Maris: «Tra le famiglie che seguiamo, casi di tentato suicidio»

L’associazione presenta la propria mission e chiede convenzione al Comune

‘AscoltiAmo Terni’, Stella Maris: «Tra le famiglie che seguiamo, casi di tentato suicidio»
Luca Arcangeli

‘AscoltiAmo Terni’ è il nome dell’ambizioso progetto promosso da Stella Maris e presentato ai consiglieri della seconda commissione consiliare la scorsa settimana.

Stella Maris «Abbiamo di fronte una Terni in difficoltà – ha detto il presidente Luca Arcangeli – e in poco tempo siamo riusciti a toccare le corde della povertà e del disagio di chi perde il posto di lavoro e viene spesso isolato anche dai propri familiari. Immaginate la sofferenza di chi, in queste condizioni, bussa alla nostra porta cercando un puto di ascolto, un aiuto e un reinserimento lavorativo. Siamo qui per consolidare i rapporti con tutti gli enti e i soggetti politici interessati a sostenere il nostro progetto». Stella Maris si è posta l’obiettivo di fare rete tra enti, associazioni, istituzioni, mondo della cooperazione e piccole aziende e al contempo fa da filtro tra i cittadini e tutti questi soggetti.

Attività Ecco come opera l’associazione: accoglienza, ascolto, raccolta di informazioni sui disagi e le potenzialità di chi si rivolge a Stella Maris. «Il primo colloquio è conoscitivo – afferma la responsabile di ‘AscoltiAmo Terni’, Elisa Santarelli – e alle famiglie viene consegnato un pacco alimentare, quello successivo è volto a individuare i bisogni essenziali delle persone ma anche le loro capacità in vista di un reinserimento sociale; poi – spiega la psicologa – con i volontari dell’associazione si valutano le informazioni raccolte e si indirizzano le famiglie verso l’ente più idoneo al reintegro sociale e possibilmente anche lavorativo. I primi contatti dell’associazione sono avvenuti con Cna, ospedale Santa Maria di Terni, la Asl e alcuni medici di famiglia. A tutte le persone che chiedono aiuto a Stella Maris offro la possibilità di intraprendere un percorso psicologico, i conflitti familiari e la sofferenza spesso diventano motivo di ansia, depressione, autolesionismo e tentativi di suicidio».

Palazzo Spada Sei mesi di vita a disposizione della città, l’associazione Stella Maris,è stato spiegato,  nasce dall’esigenza di dare risposte alle famiglie in termini di recupero sociale e sinora ha basato la propria attività sui fondi personali dei volontari. La richiesta del presidente Arcangeli: «Ci piacerebbe stipulare una convenzione con il Comune di Terni, perché possa metterci a disposizione i servizi già in essere che molte persone non conoscono». «Per questo – ha risposto il presidente della senonda commissione Francesco Filipponi – l’interlocuzione dovrà passare per l’esecutivo di Palazzo Spada».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250