sabato 1 ottobre 2016 - Aggiornato alle 05:11
4 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 19:02

Arrestato per 1.500 dosi di eroina, chiede asilo e si fidanza con italiana ma spaccia ancora: espulso

Tunisino che ha impegnato da tempo i poliziotti ma riusciva a trovare soluzioni alla sua espulsione, alla fine è rientrato

Arrestato per 1.500 dosi di eroina, chiede asilo e si fidanza con italiana ma spaccia ancora: espulso

di M.T.

Era stato arrestato nel 2011 per avere con se 1500 dosi di eroina. E visto il profilo criminale il giudice aveva anche predisposto che a seguito della pena sarebbe dovuto rientrare in patria. In Tunisia.

Il profilo criminale Le sue iniziali sono J.A, e ha 36 anni, volto noto della piazza di spaccio del centro storico pergino. Spacciatore esperto di vicoli nel reticolo che da via dei Priori porta a San Francesco al Prato. Questo il suo perimetro di traffico al minuto preferito. Non è bastato il carcere e neppure i numerosi arresti a farlo arretrare dalle abitudini criminali. Non è bastato il fatto che fosse comunque monitorato e a stretta sorveglianza delle forze di polizia, come non sono bastate le misure degli arresti domiciliari o il trasferimento a un Cie. Come è comune a molti, l’uomo è stato abile a trovare formule per rinviare l’esecuzione di quel rimpatrio continuando le frequentazioni note. Frequentazioni che gli sono costati altri due arresti per spaccio.

La sua attività Da ultimo è stato ospite nella casa della sua compagna, italiana, in centro storico. Sempre a Perugia. Intanto tra le sue formule per eludere al provvedimento è spuntata la richiesta di asilo internazionale che, dopo i tempi necessari, è stata considerata pretestuosa. Contestualmente ha terminato il suo periodo detentivo. Le condizioni che da tempo attendevano i poliziotti per affidarlo alla giustizia che per lui ha predisposto il rientro al suo paese.

Il rimpatrio La squadra Mobile, che l’aveva localizzato e monitorato nei suoi spostamenti, al momento opportuno lo ha acciuffato e portato in Questura. All’ufficio Immigrazione lo straniero non ha potuto far altro che prendere atto che doveva rientrare, a forza e sotto stretta vigilanza, in Tunisia. Vista la sua pericolosità, da Perugia sono partite due squadre di poliziotti: una che lo ha scortato fino a Fiumicino e una, specializzata nei servizi internazionali, che lo ha scortato a bordo dell’aereo fino a Tunisi. E’ stato consegnato alla polizia del suo paese.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250