venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 13:45
30 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:22

Anche la Provincia di Terni dice addio a ‘Interporto di Orte': ok anche alla messa in liquidazione di Atc

Le stesse pratiche al vaglio in Comune, dall'opposizione: «Approccio strategico sbagliato»

Anche la Provincia di Terni dice addio a ‘Interporto di Orte': ok anche alla messa in liquidazione di Atc
La sede della Provincia di Terni (foto F.Troccoli)

Anche la Provincia di Terni esce da Interporto di Orte e delibera la messa in liquidazione di Atc. La pratica al vaglio anche del socio pubblico Comune di Terni approda anche nell’assemblea di Palazzo Bazzani dove sono stati votati i due provvedimenti. In particolare il consigliere di opposizione Sergio Bruschini si è detto in disaccordo sull’addio alla società laziale «perché – ha spiegato – l’area a confine tra le due regioni è un importante bacino economico di riferimento per il Narnese-Ternano e rinunciare a un asset come l’Interporto significa mettere la questione su un piano politico. La bassa Umbria – ha aggiunto – guarda naturalmente alle aree del Reatino e del Viterbese e non a quelle delle Marche e della Toscana». Il riferimento è al dibattito sulle macroregioni che nel caso dell’Umbria è già in corso da qualche tempo, tanto che la scorsa settimane le tre regioni del Centro Italia hanno provveduto a costituire la centrale unica degli acquisti. Sulla stigmatizzazione di Bruschini, il presidente della Provincia, Leopoldo Di Girolamo, ha affermato «Interporto di Orte evidenzia i caratteri previsti dalle nuove normative su realtà che sono in passivo e senza dipendenti».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250