giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 01:56
29 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 13:32

Amelia, via a coperture dell’area archeologica: «Operazioni finite entro agosto»

Fatto il punto sui lavori delle mura crollate, Chianella: «Per ricostruzione aiuto Mibac»

Amelia, via a coperture dell’area archeologica: «Operazioni finite entro agosto»

Sopralluogo per fare il punto dei lavori sulla cinta muraria di Amelia interessata dal crollo nel 2006 e via alla rimozione della copertura metallica di protezione agli adiacenti scavi archeologici a cui si dirà addio, questo ha assicurato l’assessore regionale Giuseppe Chianella, entro la fine di agosto.

Via a coperture dell’area archeologica «Lo smantellamento della struttura, particolarmente impattante – ha aggiunto Chianella – costituisce un passaggio fondamentale e da più parti auspicato verso una ritrovata fruibilità, anche visiva, delle Mura e del centro storico cittadino». Nel dettaglio la copertura era stata realizzata proprio nel 2006 a protezione dell’area degli scavi archeologici e per assicurare la messa in sicurezza di parte della cinta muraria a seguito del crollo. «Ora – ha proseguito Chianella – si proseguirà nell’opera di consolidamento delle Mura grazie all’ulteriore milione e 160 mila euro messo a disposizione dalla Regione Umbria».

Chianella: «Per ricostruzione aiuto Mibac» Come noto il progetto di recupero interessa il tratto dalla Torre dell’ascensore alla Postierla romana e i lavori sono stati già appaltati: «Gli interventi di consolidamento e restauro sono concepiti nel rispetto del bene monumentale, con l’utilizzo di tecniche tradizionali e la ripresa di tecniche di intervento strutturale finalizzate anche a contenere i meccanismi di collasso che si sono verificati. Al termine dei lavori saranno rimossi i puntelli lungo la cinta muraria e parte dei detriti causati dal crollo. Si potrà così – ha detto Chianella – valutare anche il tipo di intervento più idoneo alla ricostruzione. Come Regione – ha evidenziato – continueremo a lavorare per individuare strumenti, anche di carattere finanziario, sinergie, e azioni utili a portare a compimento l’opera di consolidamento e recupero di questa importante emergenza storico architettonica e dell’area su cui insiste. Auspichiamo infine il concorso finanziario dello Stato, così come annunciato dallo stesso ministro Dario Franceschini nel corso della sua visita ad Amelia, a salvaguardia e a tutela di un Bene di assoluto valore storico e culturale».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250