domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 07:25
10 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 10:35

Amelia, ipotesi chiusura dell’unico nido: «A discapito di chi ha già pagato la crisi»

I pensionati della Cgil si scagliano contro il paventato taglio del nido comunale

Amelia, ipotesi chiusura dell’unico nido: «A discapito di chi ha già pagato la crisi»
Un asilo (foto archivio)

Se i sindacalisti delle tre sigle della funzione pubblica hanno chiesto un incontro urgente al sindaco Laura Pernazza, quelli dei pensionati della Cgil non vanno tanto per il sottile: «Non siamo d’accordo con la politica dei tagli al sociale proposta dalla giunta comunale».

Ipotesi chiusura dell’unico nido La lega Amerino-Narnese dello Spi-Cgil, quindi, si oppone con forza alla chiusura dell’unico asilo nido comunale di Amelia, mettendo sul tavolo della prima cittadina anche il percorso intrapreso con la precedente giunta «che – scrivono dal sindacato – andava in tutt’altra direzione». In particolare, i pensionati ricordano «i vari accordi sottoscritti negli ultimi anni nell’ambito della contrattazione sociale proprio a difesa del mantenimento dello stato sociale a favore delle fasce più deboli della popolazione amerina, nonostante il continuo taglio di trasferimenti di risorse da parte del governo centrale ai Comuni».

Contrattazione sociale Nel merito quei documenti «contenevano la tassazione locali e le tariffe locali, rafforzavano l’assistenza agli anziani e alle persone fragili e tendevano a migliorare il livello dei servizi. Si era innalzata – evidenziano – l’esenzione per il pagamento dell’Irpef comunale, permettendo a circa 450 cittadini amerini, in particolare pensionati, di non pagarla più, con l’impegno a valutare per il futuro una quota superiore. Così come – proseguono dallo Spi-Cgil – si stavano studiando insieme all’ente provvedimenti per combattere la ludopatia, agevolando gli esercizi commerciali che non installassero o togliessero video-poker».

«A discapito di chi ha più pagato la crisi» Ma il futuro incerto dell’unico asilo nido, per i pensionati della Cgil, segna una battuta d’arresto «non ci sembra che si stia continuando ad andare in questa direzione: il taglio di alcune corse del Pollicino e la paventata chiusura del nido con l’elargizione alle famiglie di voucher per affidarsi ai servizi dei privati, sono provvedimenti che vanno esclusivamente a discapito delle persone che più hanno pagato la crisi in questi anni, ora lasciate sole di fronte al mercato».

 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250