lunedì 26 settembre 2016 - Aggiornato alle 09:03
21 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:55

Aiuti ai bisognosi, oltre 9 milioni di euro in Umbria a famiglie povere, anziani, disabili e minori

Ecco le somme destinate ad ogni misura dal fondo sociale nazionale e regionale: risorse anche per immigrati e emergenza terremoto

Aiuti ai bisognosi, oltre 9 milioni di euro in Umbria a famiglie povere, anziani, disabili e minori

La Giunta regionale dell’Umbria ha approvato lo schema di riparto delle risorse del Fondo sociale regionale (Fsr) e del Fondo nazionale per le politiche sociali (Fnsp) per un valore totale di oltre 9 milioni di euro. Sono «destinati – recita una nota dell’assessore al Welfare Luca Barberini – a interventi a favore di minori, anziani, disabili, famiglie povere e vulnerabili, immigrati e persone non autosufficienti».  Nello specifico la quota nazionale riguarda 4,6 milioni, mentre quella regionale ammonta a circa 4,5 milioni di euro, prevedendo anche un milione di euro per il Piano regionale integrato per la non autosufficienza, e 100mila euro per la gestione delle emergenze sociali nelle aree colpite dal sisma.

Le risorse voce per voce «Si tratta di un atto importante – ha spiegato Barberini –, l’obiettivo è dare risposte concrete ed efficaci ai bisogni dei territori, che avranno un ruolo da protagonista nella gestione dei fondi, attraverso le Zone sociali e i Comuni, per qualificare al massimo la rete dei servizi, mentre la Regione svolgerà una sorta di regia centrale, in termini di programmazione. Le risorse sono state attribuite individuando macroaree d’intervento, con particolare attenzione all’area ‘Povertà’ a cui verranno assegnati oltre 2 milioni di euro per percorsi inclusivi di singoli e famiglie maggiormente vulnerabili. Oltre 1,6 milioni di euro – continua l’assessore – andranno ai minori per promuovere e tutelare il loro benessere, favorire opportunità educative di socializzazione, prevenire e contrastare fattori di disagio. Più di 1,4 milioni di euro saranno a favore delle persone con disabilità, con servizi e interventi socio assistenziali, mentre circa 860mila euro per anziani non autosufficienti senza reti di sostegno o deboli, senza casa e con reddito insufficiente. Oltre 280mila euro sono stati invece stanziati per interventi mirati verso famiglie con reddito medio-basso, collocabili appena sopra la linea della povertà. È stato previsto anche un fondo di 250mila euro, con risorse nazionali, per politiche di integrazione e inclusione sociale degli immigrati». Barberini evidenzia anche che «all’interno di questo riparto, un milione di euro è stato assegnato per il Piano regionale integrato per la non autosufficienza, aggiungendosi ai 3 milioni di euro già stanziati dalla Regione in questo ambito. Sono state inoltre previste risorse per il sostegno alla gestione associata dei fondi e alla reti degli Uffici della cittadinanza istituiti nelle varie Zone sociali. Centomila euro, relativi al Fondo sociale regionale, sono stati infine destinati alla gestione dei servizi sociali per l’emergenza terremoto 2016»

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250