lunedì 26 settembre 2016 - Aggiornato alle 12:26
6 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:55

Accisa per tappare le buche, Bertini: «Non voglio nuove tasse ma usare quelle già esistenti»

Dopo le polemiche, la precisazione: «Idea ancora tutta da verificare e che si basa su quanto fatto in passato»

Accisa per tappare le buche, Bertini: «Non voglio nuove tasse ma usare quelle già esistenti»
Un operaio impegnato nella ripavimentazione di una strada

Un’accisa per coprire le spese per tappare le buche delle strade. La proposta del vicepresidente della Provincia di Perugia, Roberto Bertini, in poche ore ha già sollevato un vespaio di polemiche con duri attacchi soprattutto sui social network. Tanto che lui torna sull’argomento per precisare.

Usare accise esistenti «La fotografia dell’attuale situazione italiana presenta numerose accise per cose ormai superate – spiega -. Non vogliamo aggiungere nuove tasse, ma utilizzare le accise esistenti per reperire risorse utili a nuove problematiche, in questo caso investendole sulla sicurezza dei cittadini che oggi si vedono costretti a percorrere strade dissestate».

Accise inutili e superate Una proposta, comunque «ancora tutta da verificare – specifica Bertini – nata dalla consapevolezza che in Italia l’utilizzo di imposte è una prassi consolidata. Infatti, non tutti sono a conoscenza dell’ampia lista di accise che nel tempo sono state aggiunte per le esigenze del momento. L’esempio più calzante è rappresentato dalle accise sulla benzina: € 0,000981 per il finanziamento della guerra d’Etiopia del 1935-1936; € 0,00723 per il finanziamento della crisi di Suez del 1956; € 0,00516 per la ricostruzione post disastro del Vajont del 1963; € 0,00516 per la ricostruzione post alluvione di Firenze del 1966; € 0,00516 per la ricostruzione post terremoto del Belice del 1968; € 0,0511 per la ricostruzione post terremoto del Friuli del 1976; € 0,0387 per la ricostruzione post terremoto dell’Irpinia del 1980; € 0,106 per il finanziamento della guerra in Libano del 1983; € 0,0114 per il finanziamento della missione in Bosnia del 1996; € 0,02 per il rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004; € 0,005 per l’acquisto di autobus ecologici nel 2005; € 0,0051 per il terremoto dell’Aquila del 2009; € 0,0073 per il finanziamento della manutenzione e la conservazione dei beni culturali, di enti ed istituzioni culturali nel 2011; € 0,04 per l’arrivo di immigrati dopo la crisi libica del 2011; € 0,0089 per l’alluvione in Liguria e Toscana nel novembre 2011; € 0,082 (€ 0,113 sul diesel) con il decreto “Salva Italia” nel dicembre 2011 e € 0,02 per il finanziamento post terremoti dell’Emilia del 2012».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250