giovedì 24 aprile 2014 - Aggiornato alle 18:18
banner 970x50
5 febbraio 2013 Ultimo aggiornamento alle 19:16

A gennaio balzo della cassa integrazione: +22,7%. I frati di Assisi alle istituzioni: «Ora serve lavoro»

I dati Inps per il primo mese 2013: 1,1 milioni di ore autorizzate, 12 mesi fa furono 870 mila. Lettere alla rivista dei francescani: «Esclusi dalla società». La Cgil presenta il suo Piano

A gennaio balzo della cassa integrazione: +22,7%. I frati di Assisi alle istituzioni: «Ora serve lavoro»

di Daniele Bovi

Inizia con un dato negativo il 2013 del mondo del lavoro umbro. Secondo le tabelle dell’Inps infatti nel mese di gennaio le ore di cassa integrazione autorizzate sono state oltre un milione, per la precisione 1.125.637. Un numero che, se confrontato con lo stesso mese dello scorso anno, parla di un +22,7%. Dodici mesi fa infatti, sempre secondo i numeri dell’Inps resi noti martedì, le ore autorizzate furono poco più di 870 mila. Il confronto tra gennaio 2013 e il mese precedente è invece in controtendenza se si guarda al quadro nazionale: in Italia infatti si segnala un aumento del 2,7% (da 86,5 a 88,9 milioni), mentre in Umbria il calo è netto visto che a dicembre il monte ore complessivo era di 1,8 milioni.

I numeri Se si allarga lo sguardo all’intero 2012 poi è da notare come gennaio rappresenti finora il vertice più basso della discesa iniziata a maggio: dopo il boom di aprile infatti (3,9 milioni di ore), ogni mese il monte ore si fa più basso anche se rimane costantemente più alto dei mesi del 2011. A livello nazionale invece sono stati autorizzati complessivamente 88,9 milioni di ore che significa un +61,6% su gennaio 2012. Se si prendono in considerazione le diverse prestazioni, le ore di cassa ordinaria (Cigo) a gennaio sono state pari a 30,9 milioni con un aumento del 18,5% rispetto a dicembre 2012 e del 52,2% su gennaio 2012. Incremento da imputare soprattutto alle autorizzazioni nel settore industriale, (+53,7% rispetto allo stesso mese dello scorso anno) mentre il settore edile ha registrato un aumento del 44,7%.

UNIONCAMERE: CONTINUA LA MORIA DI PICCOLE IMPRESE 

Cassa in deroga, +19% Gli interventi straordinari (Cigs) ammontano invece a 42,2 milioni di ore, con un +25,5% rispetto a dicembre 2012. Le ore di cassa integrazione straordinaria sono, invece, pressoché raddoppiate rispetto a gennaio 2012 passando da 21,4 milioni a 42,2 milioni (+97%). Per quanto riguarda gli interventi in deroga (Cigd), i 15,8 milioni di ore autorizzate nel mese di gennaio 2013 segnano un +19,1% su gennaio 2012. Si registra invece un nettissimo calo (41,1%) se si confrontano i dati con il mese di dicembre 2012. Nell’intero 2012 inoltre sono arrivate all’Inps 1.558.471 domande di disoccupazione, in un aumento del 14,26% sul 2011 (1.363.979 domande). In questo quadro tutt’altro che confortante mercoledì a Perugia la Cgil umbra presenterà, in un incontro al quale parteciperanno anche la presidente Catiuscia Marini, il presidente dell’Aur Claudio Carnieri e Gaetano Sateriale della Cgil nazionale, il suo «Piano del lavoro» che contiene «percorsi e progetti concreti» per rimettere al centro «la buona e sicura occupazione».

Le lettere ai frati Ed è proprio il lavoro che non c’è il contenuto delle mail inviate dai lettori a sanfrancesco.org, il sito della rivista dei francescani di Assisi. «Non ho un lavoro – scrive una giovane donna che si firma “disperata” – e per questo mi sento sempre molto giù e un po’ fallita. Mi chiedo che senso ha vivere». E così la rivista ha iniziato a pubblicare le lettere mentre padre Enzo Fortunato, direttore della rivista e della sala stampa del Sacro convento, ha osservato che «l’esclusione dal lavoro diventa spesso, drammaticamente, l’esclusione dalla società e dal mondo circostante. Dal nostro sito – ha aggiunto – rivolgiamo un appello alle istituzioni affinché ci dicano come vogliono far crescere le opportunità di lavoro».

©Riproduzione riservata

banner 468x60

COMMENTA LA NOTIZIA

banner 468x60

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250